CHRISTMAS

Pavia, per il Natale 2018 siamo ospiti di Antonella Zacchetti, nel suo eclettico spazio “D’Acqua e di Vento in piazza Duomo

Christmas Presents

 Un pensiero sentito e mirato, elegante, originale. Gratificante ed esclusivo, per chi lo riceve e per chi lo dona. Per un invito da amici, per la signora che ha già tutto, per il conoscente collezionista con un soggetto su richiesta, con il tema preferito.

Un dono mai banale, per farsi ricordare.

 

Un angelo che suona il flauto di Edward Burne-Jones, uno dei maggiori esponenti del movimento inglese preraffaellita –  1878. Piatto con fondo in foglia oro. Misura  20×20

Una panoramica delle nuove creazioni di PulchraImago per Natale.

Le iniziali  miniate tratte da antichi manoscritti medievali e i capilettera tipografici sono l’ideale per un regalo molto, molto personale. Piattini da utilizzare come svuotatasche, posacenere o  portaoggetti da scrivania.  Misurano cm. 15×15

Gli “Angeli Laudantes” di Sir Edward Burne-Jones (1833–1898) uno dei massimi esponenti del movimento preraffaellita inglese, “La battaglia di palle di neve” affresco conservato al Castello del Buon Consiglio, Trento; i nostri piatti per il panettone decorati con antiche acqueforti di fregi architettonici; dettagli della medicea “Cavalcata dei Magi”, capolavoro rinascimentale del fiorentino Benozzo Gozzoli, allievo di Beato Angelico

Copertina di Harper’s Bazar del numero di dicembre 1925 disegnata grande stilista Ertè,  pittore, illustratore, scultore, costumista e scenografo teatrale nato nel 1882 a San Pietroburgo e naturalizzato francese. I suoi soggetti  preferiti e più noti sono le raffinate produzioni art déco:  figure femminili sinuose, eleganti e altissime vestite con abiti dallo stile sofisticato, eclettico, unico e geniale. Misura dello svuotatasche cm 15×15

Vogue Magazine, december 1916, fashion cover design Helen Dryden

Una copertina natalizia anni ’20 di Harper’s Bazaar by Erté. Per tutta la vita si considerò un pavone le cui piume erano giacche colorate, combattendo contro le restrizioni degli abiti da uomo, che considerava camerieri ben vestiti. Un giorno si presentò all’Opera con un mantello dorato foderato da vere rose rosse, che distribuiva durante il suo cammino. Erté incarnò la joie de vivre degli anni venti e si fece portavoce dell’Art Decò. Romain de Tirtoff nacque a San Pietroburgo nel 1892, dimostrò ben presto la sua eccentricità geniale  sfuggendo alle aspettative del padre che lo voleva ammiraglio come lui. Così si trasferì a Parigi per inseguire il suo sogno artistico e divenne Erté (dalla pronuncia francese delle sue iniziali).  Divenne illustratore di Harper’s Bazaar per cui realizzò ben 200 copertine, ma collaborò anche con Cosmopolitan e Vogue. Le sue illustrazioni rappresentano figure stilizzate che indossano abiti e gioielli sontuosi. Le sue creature sono un tutt’uno con ciò che indossano, la loro identità corrisponde alla loro apparenza. Le pose ed i gesti ingessati nel ricordare manichini, pur con la grazia e la voluttuosità di donne in carne ed ossa. Il suo tratto fonde la sinuosità dell’Art Nouveau con il rigore decorativo della nascente Art Decò.  Ertè si espresse come costumista e scenografo teatrale, come disegnatore di gioelli e scultore. Morì a Parigi all’età di 97 anni.

 “La battaglia a palle di neve”. Dettaglio di un ciclo di affreschi che si trovano nella Torre dell’Aquila, nel Castello del Buonconsiglio a Trento: “il ciclo dei mesi”, attribuiti al maestro Venceslao. Risalgono alla fine del XIV secolo-inizio del XV e sono il migliore esempio di gotico internazionale in Trentino. Costituiscono uno dei documenti figurativi più rari e preziosi della vita economica e sociale tra la fine del ’300 e l’inizio del secolo successivo, rappresentando sia gli svaghi del ceto nobiliare, sia il lavoro dei contadini.

fashion cover – Vogue magazine. Christmas number 1917. Design Wolfe Plank

“Christmas shoe di Andy Wharol”. Colui che fu poi consacrato come il genio del pop, da giovane era affascinato da Truman Capote, autore di Breakfast At Tiffany’s. Quasi ogni giorno Wharol gli  telefonava e Capote lo aveva liquidato come “una di quelle persone disperate che semplicemente non sanno cosa fare del proprio futuro”. Poi un Natale, un amico di Capote gli inviò questa scarpa d’oro, dipinta e dedicata da Warhol a Capote. Questi ne rimase estasiato e riconobbe la genialità del personaggio.
 Warhol, con i suoi bozzetti tra il design commerciale e le belle arti, stava affermando il proprio stile pubblicitario disegnando scarpe e borse. Fu incaricato di disegnare le cartoline di Natale per il Tempio di Tiffany & Co. della Fifth Avenue. Le cartoline di Warhol furono successivamente pubblicate da Tiffany ogni Natale fino al 1962, anno in cui Wharol spopolò con i suoi poster con lattine di zuppa e i famosissimi ritratti coloratissimi di personaggi famosi, tuttora straimitati.

Miniatura art deco ice skating xmas card – 1930 circa

La “Adorazione dei pastori” è un dipinto a olio su tela (147×166 cm) di Lorenzo Lotto, databile al 1534 circa e conservato nella Pinacoteca Tosio Martinengo a Brescia. È firmato “Lottus”.

“Il Trionfo della Virtù (o Minerva scaccia i Vizi dal giardino della Virtù)” è un dipinto a tempera su tela (160×192 cm) di Andrea Mantegna, completato nel 1502 e conservato oggi al Louvre di Parigi.

Composizione di quattro elementi in foglia oro con dettagli di fregi architettonici.

Benozzo Gozzoli, “Processione di Magi”, 1459-61. Palazzo Medici-Riccardi, Firenze. Il Giovane Re Gaspare con le sembianze di Lorenzo de Medici, detto il Magnifico. Il patriarca di Costantinopoli Giuseppe II nelle vesti del Re anziano Melchiorre, a dorso di una mula bianca. Il Re mago Baldassarre, la figura ritrae Giovanni VIII, imperatore bizantino che partecipò al concilio di Ferrara e Firenze per la riunificazione della Chiesa d’Oriente e d’Occidente.

Fregio architettonico riproducente rosoni di templi romani,  diviso su due piatti su fondo in foglia oro. Perfetto anche da appendere, per illuminare con un tocco originale le pareti di casa

Vassoio porta oggetti in foglia oro decorato con un volto di donna Art Decò, utilizzato originariamente per uno specchio da borsetta.

Un piatto augurale per chiunque passi a trovarci…da appendere alla porta di casa o da appoggiare su un mobile all’ingresso  Diametro cm 25. 

 

Angeli Laudantes – The Metropolitan Museum. Arazzo (1898) disegnato da Edward Burne-Jones e William Morris e ripreso dal tessitore John Henry Dearle, tutti esponenti del raffinato movimento inglese Arts and Craft.

Un soggetto dal sapore antico, un grande lavoro di intaglio, un risultato molto realistico per un pacchetto regalo che dura nel tempo. Misura cm. 21×15. 

Può essere appeso o appoggiato su un mobile il piattino votivo in foglia oro, realizzato per un’amica che colleziona angioletti natalizi. 

“Christmas three”, Vogue cover illustrated by George Wolfe Plank. Stanche di regalare foulard e profumi firmati all’amica raffinata e sofisticata? Il pensiero più personale e affettuoso si realizza con una estrosa copertina di Vogue del dicembre 1914.

Aprire la porta agli amici per festeggiare insieme il Natale. Vassoietto in vetro. Misura cm 15×21.

Questo è un piatto speciale,  con un significato particolare. Ho un’amica che da tanti anni mi aiuta a preparare gli oggetti dedicati al Natale, sempre di fianco a me. E questo è il mio regalo dello scorso anno. Ecco come PulchraImago può personalizzare un semplice pensiero di riconoscenza e affetto. Basta darci uno spunto e realizzeremo per voi regali davvero esclusivi, regali che fanno sentire “unico” chi li riceve.